la burocrazia uccide la mente

il prof. passa la mattina del martedì ad aggiustare i problemi burocratici degli studenti (il ricevimento studenti oggi è questo). Poi, un caffè e una riunione dalle 2,30 p.m. alle 5 p.m. per discutere i problemi burocratici dell’ordinamento didattico, delle tabelle, dei crediti, degli intervalli, dei moduli, dei settori, delle giustificazioni, dell’informazione on line, degli ambiti, delle opzioni e di altre cose che occupano la sua mente quotidianamente. Subito dopo un altro caffè gli risveglia la necessità di occuparsi dei passaggi burocratici dal triennio al biennio, sul computo dei crediti, moduli, settori, ambiti, ecc. ecc. e va in studio a svolgere il suo bel lavoro burocratico. Si dimentica così del tempo e del fatto che è martedì e c’è lezione.

Nel frattempo gli studenti e le studentesse attendono il prof. che non arriva. Come mai? Sarà occupato? “Chiediamo al personale di custodia”. Il personale dice che non gli compete e che gli studenti devono andare a chiedere ad altro personale più adeguato. Una soluzione è mandare una stud. in avanscoperta. La ragazza scelta è delicata, un po’ timida, e soprattutto febbricitante. Va allo studio. Suona e il prof. risponde: “ho tanto da fare, ma vieni lo stesso”. La stud. scrive un messaggino alla classe: “il prof. è impegnatissimo; non so nemmeno se riuscirà a ricevere me”. Il prof. – nell’oblio della mente burocratica, piena di crediti e moduli ascolta i problemi della stud. che dice: “avendo la febbre non posso venire a fare la presentazione in classe” e pensa: “ora il prof. mi dirà perché non è venuto in classe oggi” perché  assume “di certo il prof sa che c’è lezione ma è impegnato”. Ma la stud. non dice che c’è lezione; perché? Perché ha studiato i modi “Indiretti” di comunicare, e pensa che dicendo quello il prof. capisca che è una richiesta di andare a lezione. Figuriamoci! Il prof. – dimentico della lezione –  si domanda: “ma se ha la febbre perché è venuta e mi dice che non può venire?”. In effetti coglie una contraddizione, ma la burocrazia gli impedisce di risolvere al momento il paradosso. E torna ai  moduli e crediti mentre gli studenti e studentesse,  avvisati con telefonino che il prof. “è occupato”  se ne vanno a casa.

Illusione cognitiva: il prof. credeva fosse lunedì e se ne è accorto solo il giorno dopo. La stud. non immaginava che il prof. fosse fuori dal tempo. Ma la burocrazia è fuori dal tempo e dallo spazio. Oggi la nera coltre della burocrazia sta uccidendo le menti dei prof. Cosa ne sarà di noi se continua così?

Annunci

Un pensiero su “la burocrazia uccide la mente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...